Membership e pagamenti ricorrenti - #post

Sono in viaggio in Israele e mi è capitato di arrivare in un ostello molto tecnologico.

In questo ostello ci sono un sacco di persone che lavorano nel digital e fanno un sacco di attività come classi di Yoga, tour, ecc.

A un certo punto in uno dei volantini di una loro attività vedo scritto:

“60 nis for the public, 30 nis for stay guests, Free for Perfect 10”Non so perché ma qualcosa nella mia testa sapeva già cosa stava per trovare.

Il volantino a lato parlava proprio di Perfect 10 Club, il loro club esclusivo che per $10 al giorno ti garantisce un sacco di benefits.

Eccone alcuni:

– Colazione
– Caffè illimitato
– Sapone per la lavatrice
– Asciugamani
– 25% di sconto sui drink
– Tour per Gerusalemme gratis

Lo so cosa stai pensando.

Sono d’accordo che molti di questi benefits ci si aspetterebbe di trovarli inclusi nel prezzo, ma non dobbiamo dimenticarci che i loro clienti sono persone che preferiscono pagare per avere qualità piuttosto che avere servizi scadenti gratuiti.

Meglio pagare poco e avere una super colazione o non pagare e avere quelle colazioni con i caffè annacquati e il pane freddo?

Questo concetto applicato a un’esperienza più attenta è applicabile a tantissimi business.

Ne ho parlato anche al Marketers World di come aziende di tutti i tipi abbiamo pagamenti ricorrenti ormai: Porche, Adobe, Amazon, Netflix, Apple e tantissime altre.

Un altro bell’esempio è Tile, che vende il prodotto fisico a un prezzo fisso e poi ti propone di iscriverti alla loro membership per avere più statistiche e raccomandazioni personalizzate.

Anche un’azienda di monopattini a noleggio chiamata Bird qua in Israele ha lanciato una specie di club.

Tu puoi noleggiare uno dei loro 2.500 monopattini sparsi per la città come faresti a Milano, o puoi comprare il tuo monopattino personale e avere accesso gratuito al loro club esclusivo che ti permette di guidare gratis tutti i loro monopattini se hai lasciato a casa il tuo.

Vuoi un altro esempio?

Okay l’ultimo.

Proprio l’altro giorno mi è stato inviato un articolo riguardo il nuovo Nike Adventure Club.

In pratica Nike lancia uno sneaker subscription service per i bambini dai 2 ai 10 anni.

I genitori possono pagare $20/mese per 4 paia di scarpe, $30/mese per 6 paia o $50/mese per 12 paia.

Pensaci un attimo.

I bambini, sopratutto tra i 2 e i 10 anni, crescono molto in fretta e a un genitore può capitare di dover comprare scarpe che diventeranno troppo piccole in poco tempo.

Un pagamento ricorrente può fidelizzare enormemente i genitori che non andranno più dai concorrenti.

La vera domanda non è tanto se tutti i business (ma proprio tutti) fra qualche anno useranno i pagamenti ricorrenti come business model.

Sono convinto che succederà, almeno un ibrido (fisso + mensile).

La vera domanda è:

WHAT’S NEXT?

 

Dubbi, domande, feedback? Lascia un commento.

 

Ecco gli ultimi articoli che ti potrebbero interessare:

Iscriviti alla Growthletter

Ricevi un’email a settimana con tutti i miei contenuti riguardo crescita, business, marketing e growth hacking.

Ricevi una growth email a settimana